Tisana al timo: tutti i benefici e come prepararla in casa

Nel corso dei secoli il timo è stato utilizzato per molti disturbi, dall’influenza agli attacchi epilettici. Nel Medioevo è stato spesso miscelato con parti uguali di lavanda e spruzzato sui pavimenti delle chiese per eliminare eventuali odori indesiderati. Molto prima della scoperta della medicina moderna, il timo tritato è stato messo sulle bende a applicato sulle ferite per promuovere la guarigione e prevenire eventuali infezioni. Ma è soprattutto la tisana al timo, facile da preparare e da usare, oggi viene utilizzata dalle persone per contrastare una serie di problemi.

Seguici su Instagram

Benefici della tisana al timo

La tisana al timo, proprio come l’olio essenziale al timo ha straordinarie proprietà curative e viene esaltato per essere:

  • Antireumatico
  • Anti-parassitario
  • Antisettico
  • Anti-virale
  • Anti-fungino

Se preso in modo regolare può contribuire significativamente a ridurre la carica batterica all’interno del corpo, il che lo rende molto utile nel trattamento di: sindrome da affaticamento cronico, fibromialgia, tiroidite di Hashimoto, artrite reumatoide, lupus, vertigini, tinnito e sclerosi multipla.

Loading...

Il timo è ricco di vitamine e minerali, di potassio, ferro e calcio, il che lo rende ideale per aiutare l’organismo nella regolazione della pressione sanguigna, nella corretta formazione dei globuli rossi e nella distribuzione di antiossidanti nel corpo.

Possiede un alto contenuto di vitamine del complesso B, vitamina A, C e acido eolico. Inoltre ha una varietà di importanti bioflavonoidi e oli essenziali, tra cui il timolo, un olio essenziale che ha potenti proprietà antiossidanti.

Il timo possiede proprietà antitumorali, sebbene queste non siano mai state accertate. Contiene terpenoidi come gli acidi rosmarinico e ursolico. E’ stato dimostrato che un consumo regolare di timo sia in grado di aumentare la quantità di DHA (acido docosaesaenoico, un acido grasso omega-3) nelle membrane cerebrali, renali, cellule e cuore.

Favorisce l’attività dell’apparato respiratorio e del sistema immunitario e, con le sue proprietà espettoranti e antispasmodiche, è indicato per il trattamento di problematiche bronchiali, in particolare:

  • Bronchite acuta e cronica
  • Mal di gola
  • Tosse
  • Laringite
  • Asma
  • Trattamento dell’infiammazione della bocca
  • Infezioni della gola
  • Prevenzione di gengiviti

Bere una tazza di tè al timo ogni mattina aiuta a curare fibromialgia, tiroidite di Hashimoto, artrite reumatoide, lupus e sclerosi multipla.

Come preparare la tisana al timo

Ingredienti:

Seguici su Instagram

Procedimento:

  1. Metti il timo in una teiera con infusore – circa 1 cucchiaino di timo essiccato per ogni tazza di acqua. In caso decidessi di utilizzare del timo fresco, aggiungine un po’ di più.
  2. Versa l’acqua bollente all’interno della teiera.
  3. Copri e lascia in infusione per circa 5 minuti.
  4. Filtra e bevi.

Cosa ci posso aggiungere?

Sicuramente lo zenzero offre il perfetto abbinamento con il timo. Questi due ingredienti insieme infatti sono ideali nel periodo invernale per prevenire e contrastare le infiammazioni della gola. Sia che la causa sia un’allergia, lo stress, lo sforzo delle corde vocali o anche batteri e virus. Tra le altre cose sono perfetti insieme anche per contrastare la tosse.

Preparare la tisana di timo e zenzero è semplice. Prendete mezzo cucchiaio di timo essiccato e un pizzico di zenzero in polvere. Metteteli in una tazza d’acqua bollente e lasciate in infusione coperta per 5 o 6 minuti.  Bevetelo non troppo bollente.

Controindicazioni del timo

Parliamo per concludere delle controindicazioni del timo visto che non ne è esente. Al suo interno si trova il timolo e vari fenoli che se assunti in quantità eccessive sono tossici. Può portare infatti a vomito, nausea e problemi respiratori se esagerate con le quantità.

Non dovreste bere la tisana al timo se soffrite di ulcere peptica, ipotiroidismo, insufficienza cardiaca e anche gastrite. Durante la gravidanza evitate l’assunzione visto che potrebbe indurre a un aborto durante i primi mesi.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Loading...

One Response

  1. Ornella

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

banner