La lista dei migliori Oli Essenziali contro stress, ansia e depressione

Che cosa si intende per stress

Lo stress viene definito come qualsiasi causa in grado di esercitare sull’organismo delle stimolazioni dannose che sono, a loro volta, causa di reazioni sia fisiche che psichiche ed emotive.

Seguici su Instagram

Si distinguono differenti tipologie di stress, che sono:

  • acuto se la stimolazione si verifica una sola volta e per una durata limitata di tempo;
  • cronico se gli stimoli permangono per lungo tempo anche se intervallati da brevi pause;
  • cronico intermittente quando lo stimolo si presenta con andamento ciclico, ad intervalli regolari e seguendo una certa prevedibilità.

Gli eventi stressanti che solitamente contribuiscono a provocare l’insorgenza dello stress sono classificabili nelle seguenti categorie:

Loading...
  • distress, sono i fattori scatenanti nocivi che possono portare anche ad un abbassamento delle difese immunitarie dell’organismo, con conseguenti e frequenti disturbi fisici;
  • eustress, sono fattori benefici che, pur causando uno stato “d’allerta” del soggetto, incentivano la sua vitalità, aumentando la reattività comportamentale.

I sintomi fisici più caratteristici dello stress sono i seguenti:

  • contratture a livello delle muscolatura di spalle e collo;
  • cefalea tensiva;
  • mal di schiena;
  • acidità gastrica;
  • nausea;
  • dispepsia spesso unita a meteorismo e flatulenza;
  • vertigini e capogiri;
  • sudorazione profusa delle mani;
  • tachicardia ed extrasistole.

A livello comportamentale ed emotivo, lo stress influenza le relazioni interpersonali con una netta tendenza all’isolamento, al pessimismo, all’intolleranza e nervosismo, agli atteggiamenti ipercritici, alle difficoltà di concentrazione e alla mancanza di creatività.
Il binomio corpo-mente è ormai universalmente riconosciuto anche dalla medicina tradizionale, pertanto qualsiasi stimolazione che agisca a livello psicologico può tradursi in un potente stimolo fisico.
Nel caso dello stress, si parla solitamente di disturbi multifattoriali in quanto le cause predisponenti e/o scatenanti sono di varia natura ed influiscono a differenti livelli.

Una persona stressata è un individuo infelice che non è in grado di risalire al motivo principale per cui si sente a disagio; gli approcci terapeutici sono estremamente vari e comprendono sia farmaci (soprattutto ansiolitici ed antidepressivi), sia percorsi dialogici o comportamentali di tipo psicologico.
La medicina naturale si è rivelata molto efficace poiché è in grado di agire sia sulla mente che sul corpo, allentando le tensioni e migliorando il tono dell’umore.

Che cosa si intende per ansia

L’ansia è uno sgradevole stato emotivo causato da uno stato di “all’erta” che a volte sconfina nella paura verso qualche stimolazione percepita come pericolosa.
Spesso si tratta di una risposta esagerata a stimoli che, per loro natura, non dovrebbero provocare tale comportamento.

Secondo Sigmund Freud, all’origine dell’ansia vi sono conflitti irrisolti che il soggetto ha archiviato (fenomeno delle rimozione) per evitare di soffrire; in realtà tale situazione si comporta come un potente fattore predisponente che si manifesta sotto forma di episodi ansiosi di varia intensità.
In alcuni casi l’ansia si manifesta sotto forma di attacchi di panico, acute crisi di terrore nei confronti di cause che non giustificano tali manifestazioni estreme.
In altri casi invece l’ansia si concretizza in fobie (paure) nei confronti di determinate situazioni oppure oggetti e persone, che diventano dei veri e propri bersagli.

I sintomi caratteristici dei fenomeni ansiosi interessano tutto l’organismo e comprendono:

  • difficoltà respiratorie;
  • scarsa salivazione;
  • tachicardia ed extrasistole;
  • sudorazione profusa;
  • nausea;
  • crampi allo stomaco e/o all’intestino;
  • astenie generalizzata;
  • tensione muscolare;
  • insonnia;
  • nervosismo ed irritabilità.

I protocolli terapeutici che solitamente vengono impiegati nella cura dell’ansia sono condizionati dal livello d’intensità delle sue manifestazioni, che a volte possono raggiungere un’intensità molto elevata, fino a compromettere notevolmente la qualità di vita del soggetto.
I farmaci di pronto intervento sono gli ansiolitici (benzodiazepine), gli antidepressivi (SSRI) ed i sedativi fitoterapici naturali.
Anche l’approccio psicologico e comportamentale si rivela un utile supporto, soprattutto dopo che sia stato superato l’episodio acuto.
La medicina naturale viene solitamente prescritta quando il disturbo tende a cronicizzarsi.

Che cosa si intende per depressione

La depressione è un disturbo dell’umore che si manifesta con una persistente tristezza , un diminuito interesse verso la vita, la tendenza ad un profondo e continuo pessimismo ed un notevole rallentamento psicomotorio.
All’insorgenza di tale disturbo contribuiscono sia fattori ambientali (esogeni) sia cause soggettive (endogene) la cui concomitanza provoca la manifestazione della tipica sintomatologia.

Spesso il suo esordio è difficilmente diagnosticabile in quanto i sintomi tendono ad aumentare progressivamente la loro intensità.
La causa organica della depressione è riconducibile ad una carenza di neuro mediatori, le sostanze che consentono la trasmissione degli impulsi nervosi.
In seguito a tali stati carenziali si determina una serie di reazioni metaboliche che interessano tutto l’organismo sia a livello fisico che a quello psicologico.

I sintomi tipici del disturbo depressivo devono venire curati con tempestività poiché, qualora si cronicizzassero, potrebbero compromettere molto seriamente lo stato di salute del paziente.
Spesso sottovalutata, questa malattia è estremamente diffusa presso ampie fasce di popolazione, con netta prevalenza del sesso femminile.
Una tipica forma depressiva è quella post-partum, che di solito si manifesta alla conclusione del periodo gestazionale.
Un particolare tipo di depressione è la sindrome bipolare, consistente dell’alternanza tra fasi depressive ad altre maniacali, durante cui il paziente si trova in uno stato di eccitazione psico-motoria.

Le terapie indicate per la cura della depressione comprendono i farmaci antidepressivi di ultima generazione (SSRI), spesso abbinati ad ansiolitici; anche i percorsi di tipo psicologico e comportamentale sono particolarmente efficaci nelle fasi di superamento dei periodi acuti.
Le cure naturali sono spesso prescritte come completamento terapeutico, in particolare negli schemi continuativi di cura.

Seguici su Instagram

Importanza degli oli essenziali contro stress, ansia e depressione

Gli oli essenziali sono sostanze naturali dotati di efficaci proprietà fitoterapiche e che possono essere impiegati con diversi metodi.
– Si utilizzano infatti tramite diffusori che emettono aromi ricchi di molecole curative in grado di penetrare nell’organismo attraverso l’apparato respiratorio.
– Possono venire impiegati per realizzare massaggi attraverso cui i principi attivi sono assorbiti a livello cutaneo, entrando poi nella circolazione sanguigna.
– In alcuni casi è sufficiente versare poche gocce di prodotto sui polsi oppure dietro alle orecchie e l’aroma prodotto dalle sostanze è in grado di agire su tutto l’organismo.

Quali sono i migliori oli essenziali contro stress, ansia e depressione

Olio di Lavanda

La lavanda è una pianta nota fin dall’antichità per le sue efficaci proprietà lenitive e calmanti sul sistema nervoso dove agisce a livello delle giunzioni sinaptiche modulando la propagazione dello stimolo nervoso.
Grazie ai suoi principi attivi, l’olio di lavanda trova largo impiego nella terapia di ansia a stress, anche per lunghi periodi di tempo, proprio in quanto non presenta alcun effetto collaterale.

Olio di Rosa

Questo prodotto, utilizzato soprattutto per inalazioni tramite diffusore, svolge un’efficace attività rilassante ed antidepressiva poiché le sue essenze vanno a migliorare il tono dell’umore.
Recenti linee guida consigliano il suo impiego per la cura della sindrome pre-mestruale in quanto le molecole aromatiche contenute nell’olio contribuiscono ad allentare le tensioni psichiche.

Olio di Arancio

Estremamente gradevole per il suo profumo agrumato, questa essenza viene prescritta per rilassare tensioni muscolari di varia natura, soprattutto in caso di stress e di attacchi d’ansia.
Di solito si usa per piacevoli massaggi che consentono l’assorbimento delle molecole volatili attraverso l’epidermide; una volta entrate in circolo, esse contribuiscono ad instaurare uno stato di relax.

Olio di Camomilla

Grazie alla sua elevata concentrazione di sostanze calmanti e lenitive, l’olio di Camomilla assicura un benefico effetto rilassante per tutto l’organismo, favorendo il riposo notturno per chi soffre di insonnia.
L’inalazione tramite diffusore di questo composto è particolarmente indicata in caso di episodi di depressione ansiosa poiché è in grado di svolgere un’efficace azione sedativa.

Olio di Gelsomino

Noto fin dall’antichità per le sue benefiche proprietà rilassanti, l’olio essenziale di Gelsomino viene prescritto in caso di attacchi ansiosi in quanto le sue molecole aromatiche svolgono un effetto positivo sul tono dell’umore contribuendo ad allontanare i pensieri negativi e a migliorare l’umore. I massaggi con questa essenza sono ottimi anche dal punto di vista cosmetico e lasciano la pelle intensamente profumata.

Olio di Limone

Per i principi attivi in esso contenuti, l’olio essenziale di limone trova largo utilizzo come attivatore dello stato psico-fisico del soggetto, comportandosi da sostanza energizzante e stimolante.
Particolarmente indicato per soggetti depressi e tendenti alla malinconia, il prodotto viene impiegato soprattutto per uso inalatorio.

Olio di Cannella

La Cannella è un vegetale dalle mille risorse, consigliata in tutti i casi in cui si verifichino fenomeni di squilibrio psico-fisico; la sua essenza sotto forma di olio è molto efficace per le sindromi depressive, in particolare se accompagnate da manifestazioni ansiose.
Preferibilmente inalato tramite diffusore, questo prodotto contribuisce ad innalzare il tono dell’umore ed a superare periodi di stress ed ansia.

Olio di Menta

Le efficaci proprietà rigeneranti di questa essenza vengono utilizzate per potenziare il benessere psico-fisico di soggetti stressati.
La sua azione viene esaltata dall’impiego tramite massaggi che, anche sfruttando il calore che si sviluppa durante la pressione tattile sull’epidermide, è in grado di penetrare attraverso i pori cutanei.
Grazie al suo aroma estremamente gradevole, l’olio di Menta lascia la pelle profumata, liscia e setosa.

Olio di Bergamotto

Si tratta del prodotto forse più usato per le sue caratteristiche rilassanti e blandamente sedative; i principi attivi in esso contenuti contribuiscono ad allentare le tensioni psichiche innalzando il tono dell’umore, soprattutto durante periodi prolungati di stress.
L’aroma gradevolissimo dell’essenza viene sfruttato sia nei massaggi che per inalazione.
In alcuni casi è possibile miscelare alcune gocce di questa essenza con olio al Limone o all’Arancio, per realizzare un composto ancora più efficace ed aromatico.

Olio di Pompelmo

Grazie ai principi attivi in esso contenuti, l’essenza di Pompelmo infonde vitalità per le sue efficaci proprietà rivitalizzanti ed energizzanti.
Solitamente impiegato per massaggi, il prodotto trova largo impiego in caso di ansia e depressione, anche di lunga durata.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Loading...

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

banner