Come aumentare l’assorbimento della Curcuma

Assumere in modo regolare la curcuma porta grandi vantaggi nei confronti dell’organismo. Tuttavia occorre intervenire per far si che l’organismo la assorba davvero e possa perciò fare scorta di curcumina, la quale è la sostanza che ci offre tutti i benefici che rendono famosa la spezia in questione.

Secondo MEDLINE, cioè la Biblioteca nazionale di Medicina degli Stati Uniti, la curcumina possiede la bellezza di 600 potenziali benefici nei confronti dell’organismo. Ciò che però spesso non viene detto è che la curcuma non è per niente facile da assorbire.

Come assorbire i principi attivi della curcuma

Proprio perché il nostro corpo trova difficile l’assunzione della curcuma è importante intervenire al fine di rendergli questo lavoro un po’ più facile. Se viene esaminato il plasma sanguigno infatti è facile notare che le concentrazioni di curcumina è molto bassa, così come se vengono analizzati i tessuti periferici ma anche le urine. Un assorbimento basso non offre benefici importanti.

Per aumentare la biodisponibilità della curcuma basta mettere in atto alcune strategie alimentari. Qui sotto vi mostro quali sono le strategie migliori.

  1. Mescolate la curcuma con un grasso: mescolando la curcuma con un grasso, il corpo riesce ad assorbirla. Potete perciò accostarla con l’olio extravergine di oliva per esempio, oppure con il burro chiarificato. Agendo in questo modo fate si che la curcuma venga assorbita all’interno del flusso sanguigno e non passa invece dal fegato. Viene esposta meno agli enzimi metabolici e può restare più a lungo all’interno del corpo.
  2. Scaldate la curcuma: anche il calore è di aiuto perché aumenta la solubilità della curcuma e favorisce il suo assorbimento. Vi consiglio di farla scaldare con dell’olio in una padella in questo caso e di utilizzarlo poi per condire. Potete però aggiungere la curcuma anche quando realizzare i soffritti.
  3. Usate la curcuma insieme al pepe nero: il pepe nero è un alimento noto per le sue ottime proprietà. Queste possono sposarsi perfettamente con quelle della curcuma e anzi, il pepe nero è uno di quegli alimenti che va ad aumentare la biodisponibilità della curcumina. Il pepe aumenta il livello di curcumina nel corpo e non soltanto per un un breve periodo, rende costanti questi livelli. Dovete assumere la curcuma con un pizzico di pepe nero. Rende il corpo fino a 2000 volte più capace di assorbirla.

I principali benefici della curcuma

Perché è così importante fare in modo che la curcuma venga assorbita dal corpo? I benefici di questa spezia sono davvero tanti e ultimamente le ricerche scientifiche lo hanno dimostrato. Le sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti sono particolarmente interessanti. Ma non sono gli unici validi motivi per assumerla in modo regolare.

La curcuma per esempio riduce e previene gli stati infiammatori, allevia i dolori che coinvolgono le articolazioni e i muscoli e in generale si può dire che è un buon antidolorifico. Per esempio aiuta a disintossicarsi e interviene sul fegato proteggendolo, allo stesso tempo aiuta a digerire e rende più forte il sistema immunitario.

E’ particolarmente interessante anche l’effetto che ha sul cervello e sul sistema nervoso. Basta infatti un grammo di curcumina per aumentare la memoria e aiuta anche il cervello a mettere in atto una serie di meccanismi di guarigione.

Un altro effetto benefico noto è quello antitumorale. Secondo lo studio condotto dall’Università della California, blocca l’azione dei tumori della testa, del cavo orale e del collo.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.