Disintossicarsi dallo zucchero in soli 10 giorni grazie a questi preziosi consigli

Perché mai disintossicarsi dallo zucchero? In realtà credo che, anche se non sai di preciso quali sono i danni che provoca, sei consapevole che dovresti eliminarlo dalla tua vita o quanto meno ridurre in modo netto la quantità che assumi giornalmente.

Seguici su Instagram

E’ interessante uno studio eseguito da Mark Hyman, un celebre nutrizionista e medico canadese, che ha preso in esame 600 persone che hanno provato una sua particolare dieta, il risultato è stato la perdita di 4 chili in soli 10 giorni. Quando è stata l’ultima volta che hai perso tutti questi chili in meno di due settimane? E quanti sacrifici hai dovuto affrontare? Questa dieta non si basa su linee guida ferree e restrittive, non ci sono particolari menù noiosi da seguire. Semplicemente verrà “resettata” la concezione che si ha del cibo.

Il Dott Hyman ha creato questa dieta per dare una netta sterzata dalla dipendenza, sia fisica che psicologica, dagli alimenti ricchi di zuccheri. Un vero e proprio reset del corpo e del cervello che migliorerà la qualità della tua vita.

Loading...

Non si tratta chiaramente solo di dimagrire. Il motivo per cui devi dire BASTA a questa dipendenza è proprio un discorso salutistico.

Perché disintossicarsi dallo zucchero

Di motivi per dire addio allo zucchero ne hai tantissimi. Assumerne tanto provoca l’ingrossamento degli organi interni e aumenta il rischio di soffrire di diabete, disturbi cardiovascolari e anche pressione alta. Sembra inoltre che possa aumentare i livelli di colesterolo cattivo all’interno del sangue.

Forse non te ne rendi conto ma superare le dosi massime (20 grammi giornalieri per le donne e 36 per gli uomini) può crearti anche dipendenza. Questo ti porta ad assumerne sempre di più. La causa sta nella capacità dello zucchero di rilasciare dopamina nel cervello, responsabile del piacere. Inoltre ti porta a soffrire di maggiori attacchi di fame e cali di energia. Allo zucchero sembrano attribuiti anche stati di leggera depressione e di irritabilità.

Uno studio pubblicato nel 2016 sulla rivista scientifica Cancer Research ha sottolineato che troppi zuccheri possono avere un significativo ruolo nella produzione del carcinoma mammario. Lo zucchero comunque fa aumentare i livelli di acidità nell’organismo permettendo così ai microrganismi di proliferare.

Disintossicarsi dallo zucchero perciò è particolarmente utile per migliorare lo stato di salute e poter muoversi nella direzione di una vita sana e lunga.

Disintossicarsi dallo zucchero con questi 9 suggerimenti

Ecco qui di seguito i 9 indispensabili consigli per disintossicarti da zuccheri raffinati e carboidrati in 10 giorni.

  1. Stop Immediato!

    Il miglior modo per bloccare una dipendenza fisiologica è quello di “fermarsi”. Un alcolista non si può permettere di bere ogni tanto. Zuccheri richiamano altri zuccheri, perciò evita tutti i prodotti che LI contengono, farine bianche e dolcificanti artificiali per 10 giorni.

  2. Non bere lo zucchero

    Il Dott Hyman dice: “Qualsiasi caloria dello zucchero in forma liquida è sicuramente peggiore di quella in forma solida.” Questo perché lo zucchero in forma liquida è più facilmente assimilabile dal fegato. Succhi di frutta, bibite gasate, bevande sportive, caffè e tè zuccherati sono la principale fonte calorica di zuccheri nella dieta di molte persone. Un ragazzo che beve una lattina di coca cola al giorno (o un’altra bevanda gassata) avrà il 60% in più di possibilità di diventare obeso, mentre una donna avrà l’80% in più di possibilità di ammalarsi di diabete del tipo 2.

  3. L’aiuto delle proteine

    Le proteine aiutano a equilibrare i livelli di zuccheri e insulina nel sangue. Inizia la giornata con delle uova o un frullato di proteine. Inserisci a ogni pasto noccioline, semi, uova, pesce, pollo o carne di animali allevati al pascolo.

  4. Carboidrati (buoni) a volontà

    Sapevi che un sacco di verdure sono ricche di carboidrati? Sentiti libero di mangiarne quante ne desideri, non solo quelle ricche di amidi come le patate, la zucca o le barbabietole. Abbonda anche con quelle verdi come i broccoli, cavolfiori, cavoli, asparagi, peperoni, fagiolini, zucchine e carciofi per 10 giorni.

  5. Grassi contro zuccheri

    I grassi non ti rendono grasso, ti rendono completo. Inoltre riequilibrano la glicemia e sono una parte necessaria della nostra struttura cellulare. Integra grassi buoni a ogni pasto, come la frutta secca, l’olio extra vergine di oliva e il burro di cocco. I grassi ti aiuteranno a tenere gli zuccheri alla larga.

  6. Preparati alle emergenze

    Quando il livello degli zuccheri nel sangue è in calo, nella tua testa potrebbe scattare un meccanismo che in tanti conoscono: “La voglia di schifezze”! In questo caso il Dott. Hyman consiglia:

    Seguici su Instagram

    “Avrai bisogno di un kit di emergenza. Prepara degli snack facili da portare sempre con te, in questo modo non sarai tentato dal primo distributore automatico. Anche un po’ di frutta secca sarebbe l’ideale.”

  7. Meno stress, meno appetito

    Molti non sanno che il Cortisolo, l’ormone dello stress spesso aumenta l’appetito, facilita l’accumulo di grasso nella pancia e, in alcuni casi, può portare al diabete di tipo 2. Alcuni studi dimostrano che respirare profondamente per pochi minuti riduce i livelli di stress e stimola il metabolismo nel bruciare più grassi anziché accumularli. In questo caso il Dott. Hyman consiglia:

    “Esegui cinque respiri lenti e profondi: inspira e conta fino a cinque, espira e conta fino a cinque, fallo per cinque volte di seguito..Esegui quest’operazione prima di ogni pasto e guarda cosa succede!”

  8. Infiammazioni nascoste

    Le infiammazioni all’intestino possono provocare squilibri di zuccheri nel sangue, insulino-resistenza e diabete di tipo 2. Glutine e latticini sono due intolleranze alimentari nascoste che tantissime persone non sanno di avere. Potresti fare una prova eliminando dalla tua dieta questi alimenti, almeno per 10 giorni. Vedrai come energia e vitalità aumenteranno notevolmente.

  9. L’importanza di un sonno regolare

    Sono stati condotti degli studi su degli studenti universitari ai quali è stato detto di dormire 2 ore in meno rispetto alle 8 ore standard. I risultati hanno mostrato un netto aumento degli ormoni della fame, soprattutto voglia di carboidrati e zuccheri raffinati. Quando si dorme poco il nostro corpo richiede degli alimenti capaci di dare un supporto energetico, quindi alimenti che contengono zuccheri. Un sano riposo terrà a bada questo bisogno.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Loading...

8 Comments

  1. Giuseppe Mazzeo
  2. Andrea
  3. Anna
  4. marcantonio
    • Alessandra
  5. Gabriella
    • margaret
    • Aura

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

banner